• slide1
  • slide2
  • 4
  • slide3
  • slide4
  • slide5
  • slide

Scuola Formazione Teologica

La Scuola di formazione teologica è nata negli anni '70 per volontà dell'allora Vescovo di Parma Amilcare Pasini, che chiese di instaurare in Diocesi una struttura di dialogo teologico: la Scuola di formazione teologica. In essa ha subito incominciato a lavorare chi da tempo era desideroso di dissetarsi alle sorgenti della Parola di Dio e di ritemprarsi nella riflessione cristiana. Insieme con loro anche alcuni presbiteri, come necessari collaboratori del Vescovo nei rispettivi ambiti del campo teologico, insegnando, impararono ad animare il dialogo della carità intellettuale. Il gruppo dei docenti condivide alcune idee di fondo: la centralità della Scrittura assunta con i principi del metodo storico-critico; la necessità di continuare nella conoscenza e recezione del Concilio Vaticano II, di cui si studiano alcuni documenti e che in ogni caso fornisce metodo e impostazione teologica a tutti i corsi; la responsabilità che ha ogni persona battezzata di testimoniare il Vangelo, Gesù Cristo, al nostro tempo, in un linguaggio ragionevole e attuale. La Scuola di formazione teologica oggi ha sede presso il Centro Pastorale, in viale Solferino 25, Parma. I corsi sono aperti a tutti (età minima 18 anni) e si tengono ogni sabato, dal primo sabato di ottobre, al primo sabato di giugno, dalle ore 15 alle ore 18,15.

Leggi tutto

Sorgi Gerusalemme
(9 Dicembre: II Avvento)

Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetràrca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetràrca dell’Iturèa e della Traconìtide, e Lisània tetràrca dell’Abilène, sotto i sommi sacerdoti Anna e Càifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccarìa, nel deserto. Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaìa: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni burrone sarà riempito, ogni monte e ogni colle sarà abbassato; le vie tortuose diverranno diritte e quelle impervie, spianate. Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!».
(Lc 3,1-6)

Ascolta l'omilia

Avvento
(Il Signore viene)

La prima domenica di Avvento segna anche l’inizio di un nuovo anno liturgico, in cui domenica dopo domenica la chiesa celebra e fa rivivere il mistero di Cristo morto e risorto, dinamica di salvezza sempre presente in ogni evento della vita di Gesù, dalla sua nascita alla sua venuta gloriosa alla fine dei tempi. Quest’anno il vangelo che verrà letto cursivamente è quello secondo Luca, che ci presenta Gesù soprattutto come profeta che annuncia la venuta di Dio in mezzo a noi nell’umiltà, nella debolezza, nella misericordia infinita ispiratagli dal Padre suo, un Padre con viscere d’amore materne. Avevamo concluso la lettura liturgica di Marco con l’annuncio della venuta gloriosa del Figlio dell’uomo (cf. Mc 13,26-27), e oggi lo stesso evento è posto davanti ai nostri occhi nella versione lucana. Sì, questo evento finale e definitivo, dopo il quale c’è solo il regno di Dio che si instaura su tutta la creazione e su tutta l’umanità di ogni tempo e di ogni terra, è l’Avvento (adventus), che significa “venuta”.


Leggi tutto

assemblea domenicale

Assemblea domenicale

Domenica ore 11,00
Celebrazione eucaristica
Assemblea dei credenti nel Risorto
(Mariano: ore 10,00)

Vangelo

Preparazione liturgia

Ogni giovedì alle 18,45 preparazione liturgia della domenica (sospeso luglio, agosto e settembre)

bambina

Catechismo ragazzi

Giovedì pomeriggio catechismo ragazzi. Inizio givedì 11 ottobte. Preleva il Modulo adesione e visualizza il Calendario

Buttura

Catechesi biblica

Da ottobre a maggio lettura continuata della Parola: Vangelo di Marco. Visualizza il Calendario

Manuductio al cristianesimo

Manuductio Introduzione

Condotti per mano alla teologia della salvezza
Introduzione al cristianesimo
Visualizza

Battesimo vita nuova

Battesimo:
vita nuova

Per conoscere meglio ciò che facciamo.
Calendario e materiale degli incontri
Visualizza